Blogmeter ospita cookie tecnici e di profilazione di terze parti per poter configurare l'esperienza di navigazione sul sito in modo ottimale e migliorare la pertinenza dei messaggi visualizzati nella navigazione. Continuando la navigazione su questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per ulteriori informazioni sulla nostra politica in materia di cookie e per negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.


Richiedi info sul report!

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (email valida richiesta)
  4. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci una fan page o profilo Twitter!

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (email valida richiesta)
  4. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci una fan page!

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (email valida richiesta)
  4. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci un profilo!

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (email valida richiesta)
  4. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci un programma

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (richiesto)
  4. (email valida richiesta)
  5. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci una campagna

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (richiesto)
  4. (email valida richiesta)
  5. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

[Italiani e social media] La Generazione Z di fronte ai social network: percezione e uso del tempo

Editoriale Blogmeter Talk_ Blogheader-01

Non c’è epoca storica in cui le generazioni più anziane non assistano attonite agli usi e costumi di quelle più giovani. Questo era valido ai tempi di Aristotele ed è valido al giorno d’oggi. 

Quando noi della Generazione X (alzi la mano chi si ricorda di questa espressione?) non eravamo ancora stati definiti con un’incognita (fummo i primi ad esserlo), i nostri genitori (i “baby boomers”) osservavano esterrefatti la nostra passione per i fumetti (Skorpio, Eternauta, Lancio Story) e per i primi manga giapponesi. Vennero poi immortali riti d’iniziazione nei bar: Space Invaders, PacMan, Dig Dug, Arkanolid, QBert, Winter Games.

Non vi tedierò con il ricordo anche dello Spectrum ZX, del Vic20 o del Commodore 64, acquistati con la scusa dello studio e sfiniti a colpi di gioco. Ricorderò solo che l’accusa della generazione precedente (genitori e nonni) era: “perché perdi tempo con quella roba?”. Con la stessa sicumera con cui i loro genitori criticavano la lettura di Diabolik (da pronunciarsi rigorosamente con “i” finale accentata) e l’ascolto dei 45 giri degli “urlatori”…

Tempo. Ecco forse la più feroce differenza tra le generazioni: la percezione e l’uso del tempo. 

I social media non costituiscono un’eccezione a questa legge. Lo conferma la nostra survey “Italiani e Social Media” condotta su 1500 utilizzatori di social media (ovvero, 1500 persone che hanno dichiarato di essere iscritti o utilizzare almeno 1 social). Ed ha chiesto ai partecipanti a quali media dedichino più tempo. Il tempo “dichiarato” è infatti una un’ottima spia per comprendere l’effettiva rilevanza che assegniamo alle nostre attività.


Mentre la generazione  X si conferma più dedita alla carta stampata e alla TV  (la generazione X è stata “televisivamente nativa”) i giovanissimi, la cosiddetta generazione Z, dichiara di dedicare più tempo a Instagram e YouTube. Solo i border line con la generazione dei millennials (forse ci sono troppe generazioni…) annoverano anche Facebook tra i media più usati.

I giovanissimi si discostano dalle altre generazioni anche per numero e frequenza di impiego dei social.  Sotto i 25 anni (15-24), il 75% è iscritto ed usa da 7 social media o applicazioni di messaggistica in su. Il 41% è iscritto e ne usa dai 10 in su.

Anche nell’impiego dei social, i giovanissimi mostrano un impiego del tempo da outlier: per alcuni social come YouTube, Instagram, Snapchat l’uso sistematico mostra percentuali decisamente più alte tra la popolazione dei 15-24enni. Video e tutorial, immagini e storie, condivisione just in time sono quindi il modo con cui, sui social, la generazione Z impiega il proprio tempo in maniera diversa da altri segmenti di popolazione.

Il tempo e la sua percezione sono – in fin dei conti – il modo con cui le diverse generazioni definiscono se stesse. Anche sui social.

Scopri la ricerca

Related Posts

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

iscriviti alla newsletter

Cliccando su "iscriviti", dai il tuo consenso al trattamento dei dati.