Blogmeter ospita cookie tecnici e di profilazione di terze parti per poter configurare l'esperienza di navigazione sul sito in modo ottimale e migliorare la pertinenza dei messaggi visualizzati nella navigazione. Continuando la navigazione su questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per ulteriori informazioni sulla nostra politica in materia di cookie e per negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.


Richiedi info sul report!

My Fieldset
 

Segnalaci una fan page o profilo Twitter!

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (email valida richiesta)
  4. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci una fan page!

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (email valida richiesta)
  4. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci un profilo!

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (email valida richiesta)
  4. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci un programma

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (richiesto)
  4. (email valida richiesta)
  5. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci una campagna

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (richiesto)
  4. (email valida richiesta)
  5. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Odiate il lunedì? In realtà il giorno in cui gli Italiani lavorano di più è il martedì!

blog_header (1)

Come gli italiani vedono e affrontano i giorni lavorativi della settimana? Red Bull ci ha incaricati di svolgere una ricerca sul percepito delle giornate lavorative, intervistando un campione di 815 italiani nella fascia d’età che va dai 18 ai 64 anni. I risultati evidenziano che, nonostante il lunedì sia il giorno lavorativo più odiato per la nota sindrome del “back-to-work”, è in realtà il martedì la giornata in cui si concentrano gli impegni maggiori e si ha perciò più bisogno di energia.

Secondo il 27% degli intervistati infatti il martedì è il giorno con il più alto carico di lavoro da portare a termine, quello in cui si ricevono maggiori richieste da clienti e fornitori (13%), e infine quello in cui si prendono in assoluto meno ferie e permessi (3%). Percentuali ancora più marcate sui giovani under 35. Il mercoledì è la giornata dei meeting e delle riunioni (13%), mentre il venerdì è il giorno in cui è più comune usufruire di ferie e permessi (19%). A dispetto delle aspettative, è il giovedì il giorno meno impegnativo per gli italiani che lavorano.

La ricerca ha utilizzato l’analisi iconografica per associare ai diversi giorni della settimana l’immagine che meglio li rappresentasse. Se al lunedì vengono associate, come prevedibile, immagini e sensazioni negative (fatica, tristezza) e al venerdì concetti positivi legati alla vittoria e all’avercela fatta, gli italiani associano al martedì il bisogno di carica e sensazioni di frustrazione/stress.

Inoltre, “impegno” è il concetto in assoluto più legato al martedì lavorativo (lo dice il 39% degli intervistati), sia in accezione positiva (carica, motivazione) che negativa (carico di lavoro, fatica).

In particolare, gli under 35 sono il target che percepisce maggiormente l’impegno richiesto dai martedì lavorativi. Si tratta infatti della fascia d’età che avverte più la fatica della giornata e percepisce le attività più difficili, come dimostra anche la maggiore incidenza (sui 5 giorni lavorativi) di elementi come richieste esterne e verifiche del proprio lavoro con superiori e clienti.

Per affrontare e superare una giornata lavorativa particolarmente faticosa, gli italiani al lavoro, tra tutte le bevande fredde e analcoliche, preferiscono gli energy drink. Lo pensano soprattutto le persone che ritengono il martedì maggiormente impegnativo rispetto agli altri giorni.

I risultati emersi dalla ricerca sono quindi diventati spunti strategici per attività di marketing e comunicazione di Red Bull: il brand di energy drink ha infatti deciso di supportare gli italiani durante le loro giornate lavorative, con particolare attenzione proprio sul martedì.

richiedi info

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

iscriviti alla newsletter

Cliccando su "iscriviti", dai il tuo consenso al trattamento dei dati.