Richiedi info sul report!

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (email valida richiesta)
  4. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci una fan page o profilo Twitter!

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (email valida richiesta)
  4. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci una fan page!

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (email valida richiesta)
  4. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci un profilo!

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (email valida richiesta)
  4. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

Segnalaci un programma

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (richiesto)
  4. (email valida richiesta)
  5. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

 

Segnalaci una campagna

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. (richiesto)
  4. (email valida richiesta)
  5. Leggi l'informativa sulla privacy.
 

101 case editrici italiane su Twitter e Facebook: followers, fan e engagement a confronto

Altissimo tasso di presenza sui social newtork, audience più ampia su Twitter che su Facebook, grande interesse degli utenti per citazioni letterarie, foto e interviste: queste le evidenze principali dell’indagine su 101 case editrici su Facebook e Twitter che abbiamo presentato ieri al Salone del Libro di Torino.     

 

L’editoria presenta quindi alcune particolarità di settore particolarmente interessanti per gli addetti ai lavori e mostra anche un uso diverso dei due network. Facebook viene utilizzato principalmente come canale di promozione dei libri in uscita e delle attività, anche in forme ludiche come concorsi e giveaway o sconti dedicati. Particolarmente apprezzate dagli utenti sono anche le immagini belle e legate a contenuti più “ispirazionali” che commerciali, mentre tra i contenuti video emergono i booktrailer.

Twitter, al contrario, è visto come un network aperto a un dialogo più paritario e contenuti più condivisi e seguiti si legano a discussioni di ordine generale non strettamente legati ai prodotti della casa editrice – come dimostra, per esempio, il successo di hashtag come #accaddeoggi (di Librimondadori) e #amoreaprimolibro (Einaudieditore). Su Facebook, invece, quasi la metà delle pagine non permette ai fan di scrivere post in bacheca e il tasso di interazione e risposta brand/fan è abbastanza basso (con la felice eccezione di  BAO Publishing).  

 

Su entrambi i social network, comunque, i lettori premiano le strategie di promozione alternative al contenuto pubblicitario, soprattutto per il vissuto personale e culturale che i libri mobilitano. 

Nella presentazione seguente potete approfondire tutte le classifiche di presenza e engagement su Facebook e Twitter. Buona lettura! 

 

 

 

 

Related Posts

Lascia un commento

Cliccando su "iscriviti", dai il tuo consenso al trattamento dei dati.
BlogMeter @ 2007 - 2014 p.iva: 05836930965 privacy